Tarassaco: proprietà naturali ed usi in cucina

Tarassaco (taraxacum officinale): utilizzo in cucina e come rimedio naturale, proprietà e virtù di questa comunissima pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteracee. Le proprietà più rinomate sono quelle depurative e antinfiammatorie, è ricco in vitamine A B C D, steroli, flavonoidi e numerosi sali minerali. La pianta presenta una grossa radice a fittone, da cui si dipartono dei corti gambi delle foglie tutte in circolo e a livello del suolo. In natura è molto comune e diffuso lungo tutta la penisola, sia in pianura che montagna fino ai 2000m.

Le proprietà digestive e toniche vengono espletate agendo a livello degli organi emuntori (fegato, reni e pelle) responsabili della trasformazione delle tossine in sostanze facili da eliminare con feci, urine o sudore. Le sue proprietà epato-protettive lo rendono particolarmente utile in caso di calcoli biliari, itterizia o insufficienza epatica come coadiuvante della terapia base. La sua azione lassativa secondaria è utile favorendo il corretto transito intestinale e favorendo la diuresi con eliminazione dei liquidi in eccesso.

Utilizzabile normalmente come estratto secco, tintura madre o più comunemente in tisana. Da evitare in caso di assunzione di diuretici o di antifiammatori, da evitare in caso di ulgera, gastrite o calcolosi di varia natura. Storicamente i primi cenni di utilizzo risalgono al Medioevo, ed essendo il fiore di colore giallo si pensava fosse un rimedio eccezzionale per la bile dato che è dello stesso colore.

Autore farmame
Vota questo articolo
Play
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!