Surgelati: comodi ma anche sani e nutrienti?

Il congelamento e la surgelazione sono due processi che vengono attivati per conservare gli alimenti. Apparentemente sembrano uguali ma, in realtà, i due processi di distinguono sostanzialmente per il tempo impiegato. In particolare il surgelamento degli alimenti è un processo molto rapido che viene impiegato dalle aziende per conservare i prodotti che poi verranno immessi sul mercato. I cibi raggiungono velocemente una temperatura pari a circa -30°. Il congelamento, invece, è un processo più lento perchè viene realizzato utilizzando i congelatori domestici che possono raggiungere una temperatura di circa -24°.

I prodotti congelati e surgelati costituiscono un valido aiuto in cucina perchè sono già pronti per essere cucinati o per essere mangiati. Per quanto riguarda i valori nutrizionali i cibi congelati e surgelati si differenziano da quelli freschi in quanto la maggior parte degli alimenti, tra cui le verdure e gli ortaggi, vengono precotti per preservarne il colore verde. Il pesce azzurro surgelato, invece, tende a perdere una percentuale degli Omega 3 contenuti in esso. Per questo si consiglia di consumarlo fresco. Il pesce congelato e surgelato che mantiene quasi inalterati i valori nutrizionali è quello bianco.

Cosa fondamentale è cercare di rispettare la cosiddetta "catena del freddo": i cibi congelati e surgelati, una volta scongelati, non possono più essere ricongelati e perchè si potrebbero sviluppare dei batteri patogeni all'interno degli alimenti. I cibi congelati e surgelati possono essere ricongelati soltanto dopo essere stati cotti.
Autore pat7973
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!