Salute - Tutto quello che c'è da sapere sull'arteria carotide

Con il termine di arteria carotide si indicano i grossi tronchi arteriosi che provvedono alla quasi totalità dell'irrorazione sanguigna della parete cefalica del corpo umano. Esse sono in numero pari, essendo presenti sia a destra che a sinistra. Si distinguono in arteria carotide comune, dove a destra nasce dall'arteria omonima e arteria carotide esterna ed interna i cui rami di biforcazione sono comuni.

Queste ultime, dalla loro origine si dirigono in alto decorrendo ai lati del collo e, giunte all'altezza di circa una linea passante per il margine superiore della cartilagine tiroide, dividono in due rami terminali: carotide esterna e carotide interna. 

La prima va a terminare a livello del collo, del condilo, della mandibola dividendosi in due rami dopo aver emesso nel suo decorso sei rami collaterali e, presenta un territorio di distribuzione essenzialmente rivolto verso la regione esterna del collo e della testa. 

La seconda termina invece all'altezza dell'apofisi clinoidea anteriore dello sfenoide, non fornisce rami collaterali inmportanti ad eccezione dell'arteria oltalmica, destinata al globulo oculare ed i suoi annessi e si suddivide in 4 rami terminali, depurati dall'irrorazione della parte anteriore e superiore dell'encefalo: essa presenta perciò rispetto alla precedente un numero di rami inferiori ma non meno importanti e distribuiti essenzialmente nelle regioni interne della testa. Nel loro decorso le due carotidi communi hanno uguali rapporti.

Autore Nova
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Agora Scienze Biomediche. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!