Paralisi di Bell, come riconoscerla?

La paralisi di Bell è una paralisi del nervo facciale e quindi della muscolatura di tutto un lato della faccia. L'affezione ha questo nome non perchè sia stata scoperta da Bell, ma perchè fu lui che per primo dimostrò la vera natura dell'affezione. 

La causa più frequente della paralisi di Bell è il freddo (paralisi a frigore) che determina l'edema, probabilmente di natura allergica, dei tessuti perineurali e di conseguenti lesioni del nervo medesimo. 

La paralisi non si manifesta immediatamente dopo l'esposizione al freddo, ma dopo un periodo di tempo variabile. Di solito non causa nessun dolore, e il paziente non se ne accorge se non dinanzi allo specchio. Subito dopo l'ammalato constata di non poter fischiare o soffiare. Passati due o tre giorni, il volto prende un aspetto caratteristico: il malato è impossibilitato a compiere qualsiasi movimento con la parte della faccia colpita.

La guarigione è più o meno rapida, secondo i casi; talvolta dopo quindici giorni inizia la fase di regressione della paralisi, che si conclude in 4-5 settimane; in altri casi la guarigione avviene dopo tre mesi. I primi segni di miglioramento sono rappresentati dal ritorno della facoltà di chiudere le palpebre e aggrottare le sopracciglia; soltanto in ultimo si riattiveranno i movimenti delle labbra e della bocca.

Per vedere quale sarà la durata del male si sottopongono i muscoli della faccia alla prova elettrica.

Autore Nova
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Telelibert. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!