Le differenze tra ernie e protrusioni discali!

In ogni famiglia italiana almeno un componente della famiglia, che sia anziano o giovane, ha problemi di mal di schiena. La cosa si aggrava quando ci sono delle protrusioni o ernie discali. Naturalmente la zona più delicata è quella cervicale, dove sono concentrate le sette vertebre che sostengono il nostro capo, ma esse possono essere presenti in tutto il rachide dorsale e lombare. Ma quale sono le differenze tra le protrusioni e le ernie discali? In questo video un medico chirurgo vi spiega le differenze e quali metodi possono essere adottati per tamponare il problema. Innanzitutto, sia l'una che l'altra si possono verificare tra la quinta vertebra lombare e il sacro e questo può causare una lombosciatalgia, mentre se si manifesta nel 3° disco lombare, tra la terza e quarta vertebra, si può parlare di lombocruralgia. La protrusione discale si ha quando avviene un rigonfiamento dello strato esterno del disco, mentre l'ernia avviene quando la parte gelatinosa all'interno del midollo fuoriesce. In poche parole la protrusione discale è la fase iniziale di una possibile ernia, quindi se trattata con antidolorifici e antiinfiammatori e una corretta attività fisica come il pilates, il problema può rientrare. Mentre per le ernie si possono fare delle infiltrazioni sottocutanee con cortisoni e vitamine, nei casi più gravi è necessario l'intervento chirurgico.
Autore calogero82
Vota questo articolo
Guarda
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!