La malva - Erba spontanea preziosa per la salute!

Tra le erbe spontanee officinali la malva è una delle più riconoscibili: ha foglie rotonde, pelose, e fiori a cinque petali di un bel colore rosa con striature più intense. Cresce un po' dappertutto e forma un cespuglio alto fino a 50 cm. Si usano le foglie e i fiori.

Contiene mucillagini, per cui esercita un'azione protettiva sulle pareti dello stomaco, quindi è indicata nei casi di gastrite, inoltre regola le funzioni dell'intestino e aiuta in caso di stitichezza in quanto grazie ai gel che contiene, rende morbide le feci. L'azione emolliente viene esercitata anche all'esterno in caso di orticaria, eritemi solari e infiammazioni della pelle.

I fiori contengono flavonoidi, tannini, caroteni e malvina. Si usano in infuso in caso di tosse, irritazioni del cavo orale, disfunzioni intestinali. Possono assumerli tutti, bambini e anziani, l'importante è non superare i 30 gr. di droga secca. (la parola droga si riferisce alle piante officinali secche).

I fiori si essiccano in forno a 40 gradi, poi si sbriciolano e si conservano in barattoli di vetro in luogo asciutto e buio. L'infuso si prepara versando un cucchiaio di droga in una tazza di acqua tiepida, lasciando in infusione per un'ora, quindi si filtra. Il liquido assume un colore blu, e se ne possono assumere anche tre tazze al giorno. Serve in caso di tosse, stitichezza e gastrite.

La malva può essere assunta anche fresca in insalata insieme ad altre erbe spontanee.

Autore gerrycaputo
Vota questo articolo
Play
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!