La cataratta, che cos'è e come si cura!

La cataratta è una patologia che colpisce soprattutto le persone che superano i 60 anni di età, ma in casi eccezionali si può presentare anche in età giovanile, ad esempio la cataratta congenita o da cortisone. Essa opacizza il cristallino, ovvero la lente naturale che abbiamo all'interno del nostro occhio che serve per mettere a fuoco tutto ciò che vediamo sia da vicino che da lontano. In quasi tutte le persone quando si arriva ai 40 anni, il cristallino inizia a perdere le sue funzioni, in questo caso si parla di presbiopia. La cataratta, una volta raggiunta la sua massima estensione, inizia a portare alcune difficoltà alla persona, che non riesce più a distinguere i colori e perde il visus. L'unica soluzione che elimina definitivamente questo problema è un intervento di microchirurgia oculare: si effettua una piccola incisione sulla cornea, si frammenta il cristallino con un apposito strumento e si aspira. Dopodiché sostituire il cristallino rotto con una lente multifocale. Tutto avviene solo con anestesia con colliri, quindi solamente la parte interessata. Se la cataratta è presente in entrambi gli occhi l'intervento si deve distanziare di almeno 20 giorni dal primo effettuato. Le lenti utilizzate sono due, una monofocale che permette di vedere anche da lontano, ma c'è bisogno della lente da vicino, mentre l'altra lente è multifocale che permette di vedere a tutte le distanze. Dopo l'intervento bisogna fare una cura topica a base di antibiotici e antinfiammatori per circa un mese.
Autore calogero82
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!