La carne fa male: ma sapete perché? Ascoltate Gerson!

La recente sortita dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che ha affermato che la carne rossa e gli insaccati favoriscono il cancro, ha sollevato un grandissimo polverone in tutto il mondo. In Italia, come all'estero, i giornali non hanno potuto ignorare l'annuncio, e in molti si sono sollevati a difesa della carne. Che ricordiamolo, ha una filiera economica molto importante. La carne da una parte è distruzione del pianeta (basti pensare che per produrre una sola bistecca alla fiorentina occorrono varie migliaia di litri di acqua...) ma dall'altra è anche industria, posti di lavoro, guadagni.

Molte persone si sono sorprese della dichiarazione dell'OMS, ma in realtà che la carne rossa sia cancerogena era già noto da almeno due decenni. La differenza sta nel fatto che fino a qualche tempo fa, quando l'informazione era monopolizzata dalle TV e dai grandi gruppi editoriali, questa conoscenza era riservata a pochi, mentre adesso, grazie alla libera informazione e grazie ai social network, sono a disposizione di tutti.

Medici che fino a qualche anno fa venivano estromessi dal circuito mediatico, oggi hanno propri canali di comunicazione, ci sono pagine e blog che ne rilanciano le ricerche, hanno visibilità. La gente ha fame di sapere, e sopratutto, sta capendo che i media dicono ciò che gli conviene, e non certo la verità.

L'OMS avrebbe dovuto fare questo annuncio 20 anni fa. Invece lo ha fatto solo oggi, dopo che migliaia di ricercatori, scienziati, nutrizionisti e medici di ogni tipo e genere hanno dimostrato che la carne è cancerogena.

Purtroppo non c'è nessuna informazione sull'alimentazione e sulla salute a livello scolastico, e molta gente non sa cosa gli fa bene e cosa gli fa male. Sembra assurdo, ma è così.
Autore veritanwo
Vota questo articolo
Play
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!