''In cucina contro il cancro'': il libro dell'oncologo Gridelli

In questo video vi mostriamo un intervista fatta al Dott. Griselli Cesare, 55 anni Oncologo Napoletano all'ospedale"San Giuseppe Moscati" di Avellino, specializzato nel Tumore al polmone, e secondo un'indagine  condotta dall'associazione californiana "Expertscape"(che si occupa di informare i pazienti sui migliori specialisti mondiali), è il migliore oncologo del mondo.

Anch'esso sorpreso dall'essere il primo fra tutti, si dice orgoglioso di poter rappresentare un'eccellenza in un territorio difficile come quello della "Terra dei Fuochi", dove l'aumento dei malati e la poca disponibilità di macchinari sanitari, hanno creato una vera Emergenza Tumori.
Secondo Griselli, la cattiva alimentazione incide sullo sviluppo della malattia, quindi sarebbe indispensabile adottare un regime alimentare salutare, per prevenire il cancro.

A differenza di come molti credono, non esistono prove scientifiche che collegano gli alimenti a miglioramenti di chi ha gia contratto la malattia,  e alimenti come pomodoro, cavolo, spezie e frutta , quindi non curano il cancro ma aiutano solamente a prevenirlo.

Tra gli alimenti più efficaci troviamo per esempio la curcuma, spezia con un alto potere antitumorale, che il nostro corpo non riesce ad assorbire completamente, tanto che alcuni studi di laboratorio cercano di migliorarne l'efficacia aumentando l'assorbimento da parte dell'organismo.

Ma fare prevenzione con il cibo non vuol dire rinunciare al piacere di mangiare, nel libro "In Cucina Con il Cancro" (giunto ormai alla sua seconda edizione), Gridelli ci delizia con 100 ricette, e ci insegna come poter mangiare con gusto senza danneggiare la salute, grazie anche ad alcuni consigli sui metodi di cottura che secondo l'oncologo sono molto importanti per far in modo che l'alimento possa essere consumato senza essere dannoso per la salute.

Via libera allora alla frittura rigorosamente in olio d'oliva ben caldo, e alla brace ma senza  bruciare né ungere la carne (esclusivamente bianca) per evitare che a contatto con il calore possano sprigionarsi sostanze dannose per l'uomo.

Purtroppo oggi molte persone vedono nel cibo una cura per lo stress, insoddisfazioni alleviate da alimenti di ogni genere, grassi, zuccheri e sostanze chimiche ingurgitate freneticamente senza controllo, e senza pensare che così facendo potremmo danneggiare irreparabilmente il corpo.

Autore Star
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!