Il leucocita, straordinario viaggio 3D al suo interno

Il viaggio inizia nel torrente sanguigno, nel quali i leucociti (globuli bianchi) si spostano per raggiungere una eventuale sede di infezione attirati da sostanze specifiche prodotte durante il danno al tessuto. Giunto nei pressi della zona infetta il leucocita è in grado di uscire dai vasi sanguigni e diffondendo attraverso i tessuti e circoscivendo l'infezione.

Questa capacità del leucocita di attraversare i tessuti è mediata da specifici recettori di membrana che favoriscono l'adesione della cellula mediante specifiche interazioni intermolecolari. La membrana cellulare detta "Mosaico Fluido" è costituita da fosfolipidi con una testa idrofila e un corpo idrofobo in doppio strato ed attraversata da catene di colesterolo e proteine che ne garantiscono la giusta fluidità.

Nella parte interna della membrana cellulare si ritrovano strutture più complesse, tetrameri di spectrina ancorati alle proteine di membrana e costituenti una rete di strutture esagonali che contribuiscono alla stabilità di membrana e alla distribuzione delle proteine stesse. Altre strutture presenti sono i filamenti di actina, che costituiscono lo scheletro strutturale della cellula (citoscheletro) molto importante per l'organizzazione degli organelli cellulari della cellula.

Lungo i microtuboli che costituiscono il citoscheletro si muovono vescicole all'interno delle quali sono presenti materiali di varia natura per la corretta vita cellulare, alcune si fondono con la membrana cellulare riversando all'esterno i materiali contenuti (esocitosi), mentra altre formatesi a ridosso della membrana forniscono alla cellula importanti componenti (endocitosi).

Autore farmame
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!