Ginseng: proprietà, utilizzi e controindicazioni

Nel corso degli ultimi mesi abbiamo sentito parlare svariate volte del ginseng, una pianta che cresce negli ambienti freddi della Cina e della Corea, e che promette di fornire diversi benefici a coloro i quali ne facciano un uso continuo e, al tempo stesso, moderato. Questa pianta viene utilizzata da centinaia di anni nei paesi orientali in quanto le proprietà curative e benefiche sono al pari dell'utilizzo di determinati farmaci "occidentali".

Il ginseng sarebbe correlato in maniera diretta al rilascio del cortisolo, un ormone che regola lo stress a livello dell'organismo e permette allo stesso di rispondere in maniera più efficace in situazioni di stress elevato, predisponendo una migliore risposta del sistema nervoso centrale. Ma questa è solo una delle molteplici caratteristiche curative: il ginseng sarebbe, infatti, considerato un vero e proprio energizzante naturale e, in aggiunta di altre sostanze, riuscirebbe a favorire una gestione migliore della fatica. Negli ultimi anni gli studi scientifici hanno dimostrato come questa pianta sia in grado di avere anche effetti, seppur moderati, nel contrastare il diabete mellito agli stadi iniziali.

Come accade per tutte le sostanze benefiche, il ginseng presenta anche delle controindicazioni, relative ad un eventuale sovradosaggio. Cefalea, diarrea, vomito e aumento della pressione sanguigna sono soltanto alcune tra le manifestazioni che occorrono quando se ne faccia un uso intenso e non controllato.

Autore V2793
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube greenMe. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!