Come smaltire l'amianto

Dal 1992 in Italia l'utilizzo dell'amianto è vietato, ma smaltire questo prodotto è diventato davvero difficile, soprattutto per i costi che ne conseguono. Secondo questa legge bisogna adottare delle tecniche precise e specifiche per bonificare tutte quelle strutture che contengono eternit, in questo modo sia l'ambiente e l'uomo ne trae dei benefici. In questo video ascolterete alcuni consigli in merito e vedrete come delle ditte specializzate effettuano questo delicato lavoro di pulizia.

Per evitare dei seri rischi per la vostra salute è opportuno rivolgersi a delle ditte serie ed iscritte ad un Albo particolare, quindi evitate di rimuovere dell'eternit da soli. Queste aziende operano in maniera ottimale, dotati di maschere facciale monouso, tute antipolvere, guanti, pompa airless, contenitori specifici e naturalmente le etichette che contrassegnano la presenza di amianto. Ma come citato prima, i costi di smaltimento sono molto onerosi, ma in alcuni Comuni e Provincie d'Italia esistono delle delibere che prevedono degli incentivi per questo tipo di lavoro, ad esempio si possono avere dei fondi se il tetto dell'abitazione venga sostituito dall'eternit con dei pannelli fotovoltaici.

Ma la strada è ancora lunga e tortuosa, in Italia la presenza di amianto negli edifici pubblici, come scuole, asili, uffici ed abitazioni private è molto alta, quindi è opportuno sensibilizzare la gente e soprattutto lo Stato a favorire lo smaltimento con l'introduzione di nuovi fondi.
Autore calogero82
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!