Alimentazione - La soia e le sue proprietà

E' un aiuto prezioso per chi temono di non trovare protidi (sostanza plastiche) e lipidi sufficienti negli alimenti vegetali.

Con il 40% di protidi (la carne ne contiene dal 15 al 20%) e il 18% di lipidi (la carne ne contiene dall'1 al 4 %), la soia è un alimento plastico di prim'ordine e, con il suo 20% di glucidi sotto forma di zuccheri assimilabili, è anche un importante energetico. Per il suo alto potere nutritivo se ne consiglia però un uso moderato, e l'impiego piuttosto come complemento che come elemento principale della dieta.

Con la soia si possono preparare piatti vari e sorprendenti; coloro che si orientano verso l'alimentazione vegetariana sappiano che è possibile confezionare pietanze di soia al tempo stesso gustose e molto nutrienti.

Nella soia sono stati identificati parecchi minerali: magnesio, calcio, ferro, potassio, fosforo, sodio, zolfo e le vitamine A (crescita), B1 (equilibrio nervoso e difesa contro le infezioni), B2 (rinnovamento cellulare, la cui carenza provoca la vecchiaia prematura), D (antirachitismo), E (fertilità).

Se si fa dunque attenzione a quanto detto sopra, si constata che la soia è un ricostituente e un energetico, un rimineralizzante e un tonico, e contiene abbastanza cellulosa da non provocare stitichezza. Sarà utile ai bambini che hanno uno sviluppo difficile, a coloro che devono combattere un eccesso di fatica psichica e intellettuale, ai demineralizzati, ai nervosi.

La soia si utilizza sia in chicchi che in farina. Quando si acquista quest'ultima, è bene accertarsi che non ne sia stato estratto l'olio, il che equivalerebbe alla perdita dei grassi e delle vitamine A, D,E.

Autore Nova
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!