5 motivi per mangiare melagrana

I semi della melagrana, ricchissimi di proprietà benefiche, sono composti da una parte edibile, la polpa esterna traslucida il cui colore vira dal bianco al rosso rubino a seconda della varietà e del grado di maturazione, e dal seme, più piccolo e dalla consistenza legnosa.

Proprio per la fastidiosa consistenza del seme spesso tendiamo ad assumere la melagrana sotto forma di succo; è importante, però, distinguere il succo fresco dei semi di melagrana dai succhi commerciali, ricchi di zuccheri e aromi, in cui spesso la percentuale di melagrana è superata da quella di altri frutti. Proprio per questi motivi i succhi che si trovano in commercio sono sconsigliati.

Al contrario il succo di melograno derivato direttamente dai semi è pieno di benefici. Numerosi studi hanno esaltato gli enormi effetti positivi che questo alimento ha sul nostro corpo. I semi di melagrana, infatti, contrastano l'ossidazione delle LDL, cioè del colesterolo cattivo, riducendo il rischio aterosclerotico; inoltre combattono l'insulino-resistenza, migliorando la glicemia basale nei soggetti diabetici.

Un'altra importante caratteristica è la presenza di sostanze antitumorali presenti nella melagrana che, per questo, viene consigliata per la prevenzione di diversi tipi di cancro e in particolare di quello alla prostata, per la presenza di acido ellagico.

Studi recenti, inoltre, hanno dimostrato che il consumo di melagrana aumenta la produzione e la motilità degli spermatozoi e riduce il rischio di Alzheimer.

L'effetto benefico della melagrana è da ricondurre all'elevato potere antiossidante dei semi. Basti pensare che 100 g di semi, da soli, superano la quantità di antiossidanti consigliati nella dieta. 

Ma è meglio consumare il succo o i chicchi? Se è vero che il consumo dei semi nella loro interezza apporta una maggiore quantità di fibre rispetto alla spremuta, è anche vero che l'assunzione dei semi è sconsigliata nei soggetti affetti da diverticoli, in quanto ne aumenta l'infiammazione. Il succo, inoltre, contiene una maggiore concentrazione di tannini e mucillagini, responsabili del tipico sapore amarognolo, che vengono liberati durante la spremitura dalla capsula esterna. Quest'ultima, però, è ricchissima anche di antiossidanti, che non assumiamo quando ingeriamo i semi per intero.

Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube La Salute Prima di Tutto. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!